Radon

Il radon è un gas radioattivo naturale, inodore, insapore ed incolore; esso deriva dal decadimento radioattivo dell’uranio. Questo è uno dei più antichi elementi naturali esistenti sulla terra ed è distribuito ubiquitariamente sulla crosta terrestre, benché la sua concentrazione sia diversa da luogo a luogo.

In generale, le rocce ignee contengono U-238, che ha un tempo di dimezzamento di 4,51 miliardi di anni, in concentrazioni più elevate che negli altri tipi di roccia.

Nell’aria, la radiazione naturale è legata principalmente alla presenza di radon che proviene dal sottosuolo, diffondendosi nelle rocce fessurate, nei sedimenti permeabili o con le acque meteoriche che trasportano sostanze radioattive presenti nell’aria. Un’elevata concentrazione di radon è stata pure misurata nelle acque d’origine profonda, che portano in soluzione vari isotopi radioattivi.

La concentrazione di radon proviene sia dai materiali da costruzione, sia dal sottosuolo dove aumenta progressivamente quanto più secco è il terreno. Nei terreni aridi, sono state trovate concentrazioni fino a 5 volte superiori rispetto a quelli ricchi d’acqua.

Lascia un commento