Plasma (sanguigno)

Il plasma sanguigno è la componente liquida del sangue (è ciò che permette al sangue di fluire) in cui sono sospese le cellule sanguigne che vengono trasportate in tutto il corpo: globuli rossi che portano l’ossigeno, globuli bianchi che combattono le malattie e aiutano ferite e lesioni a guarire e piastrine che hanno un ruolo fondamentale nella coagulazione del sangue. Rappresenta il 55% del sangue totale circolante.

Si presenta con un colore giallo paglierino. Il plasma aiuta a mantenere la pressione sanguigna e anche l’equilibrio acido-base, il pH del sangue.

È formato prevalentemente da acqua, al 92% del suo peso, e contiene proteine (7%), molecole organiche (glucosio, aminoacidi, lipidi, ormoni, composti di scarto azotati come urea ed urati), ioni (sodio, potassio, cloro, idrogeno, calcio e bicarbonato), sostanze gassose (ossigeno ed anidride carbonica), oligoelementi e vitamine, prodotti del metabolismo, elettroliti inorganici, ma è privo di cellule.

Il plasma può essere separato dal sangue intero rimuovendo i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine, attraverso un’operazione di centrifugazione ad alta velocità. Le parti corpuscolari si posano sul fondo del contenitore centrifugato ed è quindi possibile drenare il plasma dalla superfice. Dopo la raccolta, il plasma viene congelato rapidamente in modo che possa essere conservato in modo sicuro. Il plasma è utilizzato sia per trasfusioni sia come materia prima per ottenere prodotti plasmaderivati. In quest’ultimo caso il plasma viene separato nei suoi vari componenti tramite un processo chiamato frazionamento. Le proteine isolate vengono raffinate e trasformate per creare una serie di prodotti derivati dal plasma come i fattori della coagulazione, l’albumina e le immunoglobuline. Si tratta di farmaci che salvano vite umane e migliorano la qualità della vita di persone che soffrono di una serie di patologie come l’emofilia e i disturbi del sistema immunitario.

Lascia un commento