News Feed Forums Metallurgia Zincatura (definizione, processi e metodi) Reply To: Zincatura (definizione, processi e metodi)

  • ingegnerismo

    Administrator
    June 18, 2022 at 08:23

    Zincatura elettrolitica

    La zincatura elettrolitica si differenzia dagli altri tipi di zincatura in quanto più che di un rivestimento di zinco si tratta di un vero e proprio processo di verniciatura: con questo procedimento, infatti, si va ad applicare sul pezzo una speciale vernice a base di resine sintetiche, contenente anche zinco.

    La zincatura elettrolitica a freddo fa parte dei trattamenti galvanici finalizzati a offrire la giusta protezione catodica a componenti metallici di vario tipo, garantendo una migliore resistenza alla corrosione e agli agenti esterni. In particolare, tuttavia, la zincatura per elettrolisi a freddo è consigliata per i materiali ferrosi: qui, infatti, lo zinco esplica al meglio il suo effetto di protezione catodica, corrodendosi per primo e impedendo che il ferro venga danneggiato.

    Nel processo di zincatura elettrolitica il materiale da trattare viene adeguatamente sgrassato e preparato per poi essere immerso in una soluzione elettrolitica, acida o alcalina, contenente sali di zinco. Viene infine creato un passaggio di corrente tra il pezzo e la soluzione che fa depositare lo zinco metallico sulla superficie del pezzo stesso. Dopo la zincatura il particolare trattato entra in un bagno di passivazione che crea un film sottile protettivo che, una volta asciugato, aumenta la resistenza alla corrosione atmosferica e ne migliora l’aspetto. È possibile applicare un ulteriore sigillante post-passivazione per incrementare resistenza alla corrosione e scorrevolezza. L’aspetto estetico è di tipo metallico e la colorazione dipende dalla passivazione applicata dopo lo strato di zinco.

    Il trattamento può avvenire con un ciclo a telaio o rotobarile in caso di minuterie: la valutazione viene in genere fatta dal cliente in base alle necessità tecniche ed estetiche. Allo stesso modo viene valutato il tipo di passivazione necessaria. La zincatura elettrolitica a freddo permette un controllo di riporto a livello micrometrico, un buon risultato estetico e un ottimo rapporto di qualità e prezzo. Un ulteriore vantaggio del trattamento è la sua reversibilità: può essere rimosso e applicato nuovamente senza compromettere alcuna caratteristica del substrato.

    I materiali da trattare possono spaziare da qualsiasi lega ferrosa fino ad alluminio od ottone rendendo il rivestimento abbordabile quindi da qualsiasi settore merceologico implicato nell’utliizzo dei metalli. Carpenteria, imballaggio, oleodinamica, automotive sono solo alcuni esempi di settori che ne fanno ampio utilizzo.

    La zincatura elettrolitica è uno dei trattamenti galvanici maggiormente indicati e particolarmente efficaci in tutte quelle condizioni climatiche considerate “difficili”, come per esempio negli ambienti industriali o marini. Inoltre può essere utilizzata anche come fondo, sfruttando così le eccellenti proprietà antiossidanti del metallo, a cui segue una seconda mano di finitura con smalto colorato. Fra le diverse tipologie di zincatura, infine, quella elettrolitica è uno dei trattamenti a minor impatto ambientale.