Colloide

Un colloide è una miscela che, a contatto con una fase liquida acquosa, vi si disperde omogeneamente sotto forma di minuscole goccioline o di particelle solide (con dimensione al di sotto dei 200 nm) costituendo un sistema fisico a due fasi (stato colloidale). Si trova in uno stato intermedio tra soluzione e sospensione; finemente disperso, intermedio tra la soluzione omogenea e la dispersione eterogenea. Questo stato “microeterogeneo” consiste quindi di due fasi: una sostanza di dimensioni microscopiche (diametro da 10-9 m a 1 μm) dispersa in una fase continua.

La differenza con una semplice soluzione consiste nel fatto che la soluzione è un sistema omogeneo contenente ioni o molecole di soluto disperse in un solvente libere di muoversi le une rispetto alle altre; risultano limpide, sottostanno alle leggi dell’ebullioscopia e crioscopia, ed hanno tensione di vapore e pressione osmotica regolari. I sistemi colloidali, invece, si presentano torbidi, non seguono le precedenti leggi e presentano tensioni di vapore e pressione osmotica non regolari.

Esempi di colloide comunemente noti sono la maionese, l’asfalto, la colla, la nebbia, il fumo, il plasma sanguigno e altri liquidi circolanti nei tessuti animali e vegetali, il siero di latte, la cloroplastina, l’amido, la cellulosa e i suoi derivati, la gomma, la seta naturale e artificiale, eccetera.

Related Articles

Miscela

Si definisce miscela un miscuglio di più sostanze chimiche pure, in cui le singole sostanze componenti mantengono inalterate le loro proprietà chimiche che hanno allo stato isolato. C’è…

Responses