Acqua di cristallizzazione

Con acqua di cristallizzazione si vuole indicare le molecole di acqua presenti in composti solidi cristallini (come ad esempio i sali idrati) in proporzioni stechiometriche definite. Può coordinare cationi o anioni, oppure può occupare porzioni del reticolo cristallino, di cui è parte integrante.

Riscaldando ad esempio un sale idrato oltre 110 °C, si ha la perdita dell’acqua inglobata nella struttura cristallina (acqua di idratazione o acqua di cristallizzazione), provocando modifiche del reticolo cristallino stesso o addirittura una sua completa demolizione; un esempio caratteristico è costituito dal gesso che per riscaldamento spinto perde tutta la sua acqua di cristallizzazione trasformandosi in anidrite che non è più in grado di riprendere l’acqua persa.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Torna in alto